La confessione di Gigi Buffon: “Soffrivo in silenzio”

Gianluigi Buffon dopo la partita contro il Napoli non nasconde la sua emozione, e la sua voglia di rivalsa, per il ritorno in Champions League dopo la squalifica per lo storico sfogo della scorsa stagione.

“A Madrid ho subito un torto. Ho sofferto tanto ma in silenzio – confessa a Sky -. Mi mancava ascoltare la musichetta sì, mi mancava perché penso di aver subito un torto, detto sinceramente. Non sto parlando della squalifica per le dichiarazioni post Madrid, perché quella è stata giusta, ma del cartellino rosso che mi è stato comminato a Madrid, che secondo me ha dell’incredibile”.

Ho sofferto in silenzio e ho aspettato a lungo questa notte. Oggi quando mi hanno chiamato in causa ho cercato di essere pronto ed è andata abbastanza bene. Era una sfida delicata, ci giocavamo tanto e il pareggio è un risultato giusto”.

Il Psg è uscito da Napoli con un 1-1 prezioso: “Non ho mai visto nessuno venire a Napoli e vincere facilmente. Come raccontavo ai miei compagni prima della gara, io a Napoli ho vinto un paio di volte in tutta la carriera, e la carriera che ho fatto è abbastanza lunga e ho giocato in squadre forti. Quindi significa che vincere a Napoli è realmente complicato. Abbiamo fatto un gran primo tempo, nel quale loro hanno cercato di addormentare il match e gestire la palla. Una volta preso il gol, nel secondo tempo hanno fatto un altro tipo di gara e ci hanno messo in difficoltà. Penso che alla fine il gol del Napoli sia meritato e il pareggio vada bene. La cosa buona è che, pur tra mille difficoltà, siamo riusciti a rimanere ugualmente compatti, a lottare e a dare l’impressione di essere una squadra solida”.