Tragedia Real Madrid: la fine di un ciclo. E adesso?

La sconfitta per 2-0 maturata nella gara di andata degli ottavi di finale di Champions League sino ad oggi è l’unica in cui Ole Gunnar Solskjær è incappato da quando si è seduto sulla panchina del Manchester United.

Una battuta d’arresto che però questa sera costringerà i Red Devils ad una missione impossibile.

Su 34 precedenti, nessuna squadra ha mai superato un turno di Champions League dopo aver perso la gara d’andata di una fase ad eliminazione diretta in casa subendo due o più gol.

Non solo: nessuna delle ultime sei squadre inglesi che ha affrontato il Paris Saint-Germain al Parc des Princes ha trovato il successo.

Inoltre, lo United è in emergenza: alla squadra, priva di Valencia, Darmian, Jones, Pogba, Herreta, Lindgard, Mata, Sanchez, Martial e con Rashford in forse.

La situazione è talmente critica che sono stati aggregati 8 elementi della primavera.I n campo dovrebbero scendere gli undici giocatori disponibili che fanno parte in pianta stabile della prima squadra: Shaw, Smalling, Lindelöf e Young in difesa davanti a De Gea; Fred, Pereira, McTominay con Dalot avanzato a centrocampo, davanti Rashford e Lukaku.